La pasta non fà ingrassare, è sana

La nostra amata pasta ha un basso indice glicemico, lo studio ne evidenzia i benefici 

I carboidrati sono spesso colpevoli di un aumento glicemico nel sangue e vengono rapidamente assorbiti nel flusso sanguigno, ma la pasta, invece, ha un basso indice glicemico, questo significa che non provoca un aumento di zuccheri nel sangue con un conseguente aumento di peso.

A renderlo noto è stato uno studio del St. Michael’s Hospital, in Canada, pubblicato su BMJ Open, che ha, inoltre, come autrice una ricercatrice italiana Laura Chiavaroli che dichiara; “Lo studio ha rilevato che la pasta non ha contribuito all’aumento di peso o all’aumento del grasso corporeo, in realtà – aggiunge – l’analisi ha mostrato una leggera perdita di peso, quindi contrariamente alle preoccupazioni, la pasta può essere parte di una dieta sana come ad esempio quella a basso indice glicemico”.

Gli scenziati coinvolti nello studio sottolineano che i risultati sono generalizzabili alla pasta consumata insieme ad altri alimenti a basso indice glicemico. 

La ricerca è durata circa 6 mesi e ha coinvolto circa 2500 persone che si sono attenute alla dieta imposta dagli studiosi che hanno rivelato, inoltre, che un gran numero di persone, non solo non ha avuto aumento di zuccheri nel sangue ma ha anche ottenuto una perdità di grasso corporeo sostanziale.

Quindi gli autori consigliano di ridurre al minimo il consumo di cairboidrati raffinati come:  lattosio, fruttosio, glucosio, zucchero bianco e amido. Invece consigliano di consumare pasta almeno 2/3 volte alla settimana

Rispondi