A Napoli si vive 6 anni di meno rispetto a Stoccolma

“Nella città metropolitana di Napoli si vive in media ben 6 anni in meno rispetto alla città di Stoccolma”.

Walter Ricciardi, presidente dell’Istituto superiore di sanità, in occasione della presentazione del Rapporto Osservasalute 2017 ha sottolineato la disparità di media di vita fra le due città.

In generale, il rapporto, ha evidenziato una forte disparità negli indicatori di salute tra Nord e Sud d’Italia. “L’unica eccezione positiva è rappresentata dalla Basilicata.” Secondo Ricciardi c’è però una buona percentuale di morte evitabile, facendo avviare alle regioni del sud, attività di promozione di corretti stili di vita, attraverso la prevenzione oncologica, vaccinale, lo stop al fumo e all’alcol e l’incentivazione di attività fisica e corretta alimentazione.

Evidente fallimento del Servizio sanitario nazionale

Ricciardi rileva come “si tratta di differenze inique perché non ‘naturali’, ma frutto di scelte politiche e gestionali“. È dunque “auspicabile – afferma – che si intervenga al più presto partendo da un riequilibrio del riparto del Fondo Sanitario Nazionale.

Al Sud si muore di più

Dal 5 al 28% per cancro e malattie, in Italia si muore meno per tumori e malattie croniche ma solo dove la prevenzione funziona, ovvero principalmente nelle regioni settentrionali. Al Sud, invece, la situazione è opposta: il tasso di mortalità per queste malattie è infatti maggiore e la Campania è la regione con i dati peggiori.

 

Rispondi