Accadde oggi

45 anni fa moriva Pablo Picasso

L’ 8 aprile del 1973 muore Pablo Picasso, uno dei più grandi artisti del Novecento, uno dei più influenti e rivoluzionari pittori di tutta la storia dell’arte.

Picasso fu l’inventore, con l’amico Braque, del Cubismo, una sorta di elaborazione finale di tutti i rivolgimenti stilistici che stavano avvenendo nella pittura a cavallo del Novecento.

Mentre si trovava in Italia con la compagnia dei Ballets Russes di Sergej Djagilev, per realizzare le scene e i costumi di alcuni balletti, “scopre” l’arte classica e rinascimentale. Elabora una nuova riflessione sul Classicismo, che si ritrova nella serie di ritratti ad amici, attori, musicisti e soprattutto alla moglie Olga Koklova e al primo figlio Paul.

Negli anni Venti si avvicina al Surrealismo, il movimento nato nel 1919 per opera di André Breton e Paul Eluard.

Nel 1937 dipinge “Guernica”, il suo più grande capolavoro.

Picasso, negli ultimi anni della sua lunghissima vita, produce una quantità incredibile di opere. Spesso la critica ha sottovalutato questa parte della sua produzione, in realtà, Picasso “da vecchio” ha rappresentato una fonte inesauribile di idee e creatività, che hanno lasciato il segno su molti artisti venuti dopo di lui.

Muore all’età di 91 anni nella sua casa di Mougins, in Francia.

Rispondi