Tatuaggi, il nuovo trend è minimal

Tattoo, una moda mai abbandonata e che si rinnova con un nuova tendenza

L’ultimo trend in fatto di tattoo è il minimalismo, che non riguarda solo il tratto dei disegni sempre discreti, ma anche la posizione. Infatti, pare che le aree del corpo dove si preferisce farli siano quelle meno visibili, come sul bicipite ma nella parte esterna o appena sopra il gomito oppure lungo la spina dorsale. A confermarlo è la tatuatrice più nota d’Inghilterra, Lotte Vanns la quale ha spiegato che la tendenza non è proprio nuova, ma che comunque in questo momento è la più seguita.


 

Perché ne facciamo sempre in numero dispari?

Si tratta di una superstizione. Alla base di questa superstizione vi sarebbero le abitudini dei marinai europei di inizio Ottocento. Gli equipaggi che nel XVIII secolo si erano spinti nelle isole del Pacifico avevano apprezzato la tipica arte del tatuaggio, riportandola nel Vecchio Continente.

Tra i marinai divenne ben presto consuetudine tatuarsi simboli di buon auspicio che li proteggessero durante le lunghe missioni in mare: la prassi era quella di farne uno prima del viaggio, un altro quando si arrivava a destinazione. Il terzo, infine, si faceva una volta tornati a casa sani e salvi. A questi se ne sommava un altro in caso di nuova partenza, un quinto al ritorno e così via per tutte le volte che partivano in missione. La tradizione dei tatuaggi “dispari” si è poi diffusa anche fuori dall’ambiente marina militare ed è ancora oggi rispettata da molti, anche se si tratta di aggiungere solo puntino in una zona dove non è visibile.

 

Rispondi