Sfatiamo insieme alcuni falsi miti sulla salute

In quest’articolo proveremo a farvi ricredere su qualche falso mito
 
Sulla salute si sente dire di tutto… anche molte sciocchezze. Non è vero che le supposte sono più efficaci delle compresse, che gli spinaci sono ricchi di ferro e danno molta forza, che chi ha avuto un infarto deve dire addio al sesso.
Questi sono soltanto alcuni esempi di una lunga serie di falsità, verità e mezze verità sulla salute ancora molto diffusi.
Oggi proviamo a sfatarne qualcuno e magari farvi ricredere.
 


 
 
1) Bisogna bere 8 bicchieri di acqua al giorno: quantitativo consigliato da un’azienda statunitense che si occupava di informazine e sicurezza alimentare nel 1945, tuttavia non c’è alcuno studio scentifico che lo confermi. Ognuno di noi ha un fabbisogno di acqua diverso ed inoltre noi ci idratiamo anche mangiando cibo contenente acqua.
 
 
2) La regola dei 5 secondi sul cibo: si crede che se ci cade un alimento, ci sono 5  secondi in cui i batteri non si attacchino al cibo. Sbagliato i batteri non aspettano con il cronometro alla mano per attaccare il cibo o altro, l’unica variante è data dall’umidità dell’ oggetto caduto. 
 
 
3) Non guardare la tv da meno di 2 metri: questa credenza è nata poco prima degli anni 50, quando le tv a tubo catodico emanavamo radiazioni che potevano causare la rovina degli occhi. Le tv moderne non emmettono nessun tipo di radiazione o onda che possa danneggiare gli occhi, ma restare a guardarla per troppo tempo potrebbe affaticare i vostri occhi.
 
 
4) Bevi che ti passa: questo mito ci è stato tramandato dagli Americani, che credevano di curare il post sbornia con un  bel bicchierino di scoth al mattino appena svegli, provateci e vi assicuriamo che la nausea e il mal di testa non potranno che aumentare, finendo per rovinarvi la giornata. Cin Cin 
 
 
5 )Troppo zucchero ci rende iperattivi: nonostante possa causare problemi alla salute se consumato in dosi alte, nessuno studio medico svolto fin’ora ha dimostrato che lo zucchero crei iperattività nell’uomo. Il mito è nato per far ridurre il consumo e diminuire l’obbisità nelgli anni 50 negli Stati Uniti d’ America
 
 
6) Lo zucchero di canna fa meno male: il saccarosio è presente sia nello zucchero bianco che il quello di canna, cambia solo il modo di raffinazine. Quindi non ponetevi il problema, al massimo diminuite l’uso di zucchero.
 
 
7) Russare è fastidioso per chi ci dorme accanto: senza dubbi è fastidioso per chi ci ascolta ma diversi studi hanno rivelato che esiste una correlazione tra il russare e lo sviluppo di malattie cardiovascolari e pressione alta.
 

Rispondi